Yanina rapinata. Accuse e bufera sulla sicurezza a Napoli.

Dopo le tante gioie calcistiche che la città sta vivendo da un paio di stagioni a questa parte, si torna a parlare di cronaca legata al mondo del calcio. Il fatto è di quelli che fa scalpore. La fidanzata del calciatore più amato dai napoletani, quel Pocho Lavezzi simbolo ormai di un'intera città, è stata rapinata a mano armata e privata del suo Rolex d'oro. Sotto choc, la ragazza che fa la modella a Milano ha twittato un laconocio "Napoli merda". Immediata la reazione di molti napoletani presenti sul social network, seguita dalle scude dalla ragazza: "Ero terrorizzata". Su quanto accaduto non possiamo che provare da un alto vergogna (quella che sentiamo ogni volta che qualche balordo infanga il nome del nostro popolo e del nostro territorio) e dall'altro rabbia, perché quando le rapine le fanno a Milano a nessun VIP viene in mente di strombazzare "Milano merda". Siamo alle solite insomma, e a dirla tutta non condividiamo nemmeno l'analisi del presidente De Laurentiis che ha detto: "In periodo di crisi non si gira in Rolex". Una riflessione va però fatta su qualcosa di davvero preoccupante che sta accadendo attorno al calcio Napoli.

Yanina rapinata. Accuse e bufera sulla sicurezza a Napoli.

Prima Hamsik, a dicembre, viene rapinato mentre è in auto. Poi la casa di Cavani viene svaligiata mentre lui è in Uruguay a giocare la Coppa America. Poi ancora ad Hamsik, con la moglie che viene fatta scendere dalla sua BMW poco prima della super sfida contro il Manchester City. Oggi è toccato alla fidanzata, amatissima, di Lavezzi. Sembra proprio che il trio delle meraviglie azzurre sia sotto scacco da parte della criminalità di Napoli. E se ha ragione il questore Luigi Merolla quando dice "non esistono derubati eccellenti", qualche domanda gli inquirenti e i giornali inziiano a farsela. Il timore è che dietro questi episodi si possa nascondere una strategia della tensione, orchestrata dalle organizzazioni criminali per indebolire una società che è diventata il vanto di Napoli, attraverso il lavoro e il sacrificio. I motivi potrebbero essere tanti. Dalle scommesse gestite dai clan (battendo il City immaginiamo che il Napoli abbia fatto perdere un bel pò di quattrini ai "banchi"), all'ormai nota chiusura del presidente a qualsiasi forma di influenza da parte delle organizzazioni. Ci auguriamo che, dopo aver seppellito i rifiuti tossici del nord nelle nostre terre, dopo aver piegato l'economia con il racket e l'usura, dopo aver allontanato fior di turisti con una gestione criminale della spazzatura, la camorra non ci distrugga l'ultimo vero motivo di orgoglio.

Pubblicato il 27 Novembre 2011 da Filippo Ferrara

Commenti a questa pagina

La nuova stagione 2014 - 2015 si avvicina ed il Napoli sarà impegnato su più fronti!

La Serie A, la Champions League, e la Coppa Italia: è in questi appuntamenti che il Napoli farà sognare i propri tifosi!

Su BigliettiNapoli.com trovi tutti i biglietti del Napoli per le partite in casa e in trasferta di Serie A, Champions League e Coppa Italia.

Ogni 15 minuti consultiamo per te le offerte per i biglietti delle partite presenti in rete e riportiamo i prezzi nel nostro comparatore prezzi per consentirti di acquistare i biglietti sui più sicuri siti del settore.

Leggi il nostro Disclaimer per maggiori informazioni sui contenuti e le offerte presenti su BigliettiNapoli.com

biglietti calcio
biglietti campionato
biglietti serie a

 

Mappa del sito